Regolamentare la Blockchain? Si deve!

Governare il fenomeno Blockchain prima che sia lui a governare noi

Parliamoci chiaro. La Blockchain è il progresso. E il progresso è, per definizione, inarrestabile. Partendo da questo assunto, è cruciale che l’Italia si collochi tra le avanguardie del settore, perché là c’è il futuro della tecnologia e quindi anche la chiave dello sviluppo economico. Tuttavia, l’Italia è stato l’ultimo Paese, in ordine di tempo, ad aderire all’European Blockchain Partnership, accordo che punta a favorire la collaborazione tra gli Stati membri dell’Ue per lo scambio di best practice ed expertise in questa materia, sia sul piano tecnico che delle regolamentazioni. E sono proprio le regole il vero motore dell’innovazione.

Se i confini della Blockchain non sono ancora ben delineati è anche perché la tecnologia è un’intelligenza in continuo cambiamento, che impara da se stessa e che si adatta all’ambiente e al contesto in cui si trova. Ciò nonostante, è un fenomeno governabile che può e deve essere introiettato, per dirigerlo dove si ritiene giusto. Pertanto, è fondamentale che durante questa legislatura il Parlamento italiano si doti di normative lungimiranti atte a regolarlo, prima che ci siano imposte da Bruxelles o dal mercato. Altri Paesi lo stanno già facendo con enormi risultati in termini di ritorno economico e di immagine come Giappone, Hong Kong, Svizzera e Albania.

Anche nell’Ue, però, c’è un’isola felice, anzi, c’è proprio l’isola della Blockchain. Parliamo di Malta che, pur essendo lo Stato più piccolo di tutta l’Unione, ha avuto la volontà politica di creare un sistema normativo innovation-friendly riconosciuto e apprezzato a livello mondiale. Il 1° novembre sono entrate in vigore tre leggi che stabiliscono un quadro normativo che regolamenta la Blockchain, le criptovalute e la tecnologia Dlt (Distributed ledger technology), confermando Malta Paese capofila nella certezza giuridica in questo ambito. Trattandosi di uno Stato membro dell’Ue, la speranza, adesso, è che questa ondata regolatoria attecchisca anche nell’Unione europea, affinché sia leader nel campo della Blockchain, diventando al tempo stesso protagonista di un framework normativo all’avanguardia sul Fintech e punto di riferimento per le aziende ad alto know-how tecnologico provenienti da tutto il mondo.

Dal rilascio del protocollo di Satoshi Nakamoto nel 2008, che ha creato l’algoritmo madre delle monete digitali (il Bitcoin), il progresso della Blockchain, su cui si basano tutte le cripto, ha già le sue pietre miliari: il 2017 ha visto affermarsi il fenomeno delle Ico (Initial coin offering), quale sistema di crowdfunding molto in voga tra le startup del settore. Mentre il 2018 sembra essere l’anno delle Stablecoin, cioè criptovalute il cui valore è ancorato ad asset stabili e quindi al mondo reale, dalle valute fiat alle commodity. Un sistema concepito per consentire maggiore fiducia negli acquisti, evitando quella volatilità estrema che ha caratterizzato il Bitcoin e che ha tenuto le monete virtuali ai margini del mercato finanziario dei grandi investitori istituzionali.

È presto per sapere che cosa ci riserverà il 2019 ma le parole di Christine Lagarde, direttrice generale del Fondo Monetario Internazionale, sulla possibilità che le banche centrali nazionali emettano una propria valuta digitale, prospettano uno scenario in cui le attuali regole potrebbero essere addirittura sovvertite: già si va verso la regolamentazione degli Exchange, ossia le piattaforme virtuali che mettono in contatto domanda e offerta di cripto, e dei Security Token, vera rivoluzione in grado di modificare la stessa struttura del mercato finanziario e delle Borse, verso un sistema più aperto e trasparente. Essere tra i primi a emanare una regulation in questo campo sarebbe un passo strategico. Non farlo, ci metterebbe inevitabilmente ai margini di questa nuova entusiasmante competizione globale.

Massimo Tortorella – presidente Consulcesi Tech

Specialisti ’93-2006, accolto il ricorso di Consulcesi

«STATO CONDANNATO A PAGARE L’AUMENTO TRIENNALE»
La sentenza consolida la giurisprudenza in materia: come già stabilito nei mesi scorsi dallo stesso Tribunale con la pronuncia 4240/17 ai medici ex specializzandi ’93-2006 riconosciuto il diritto all’aumento triennale della borsa di studio negato ai tempi della formazione post-laurea

I legali Consulcesi: «Primo traguardo raggiunto, ora avanti nei successivi gradi di giudizio per ottenere anche il risarcimento per le disparità retributive»

La Seconda Sezione Civile del Tribunale di Roma, con la sentenza 7826 del 18 aprile 2018, ha riconosciuto a 145 ex specializzandi ’93-2006 il diritto all’aumento triennale delle borse di studio, negato durante la formazione post-laurea nonostante fosse previsto dal Contratto Collettivo nazionale dei medici neoassunti.

Il Tribunale ha infatti stabilito che «si deve riconoscere in favore dei medici specializzandi il diritto a beneficiare della rideterminazione triennale dell’importo percepito a titolo di borsa di studio, in funzione del miglioramento stipendiale tabellare minimo previsto dal CCNL del S.S.N. dei medici neo assunti, ai sensi dell’art. 6, comma 1, del d.l.vo n. 257/1991».

È la conferma di una giurisprudenza ormai consolidata: la pronuncia giunge infatti dopo una sentenza del tutto analoga da parte della medesima corte (n. 4240/17). Consulcesi, realtà leader nell’assistenza legale in Sanità, forte degli oltre 530 milioni di euro fatti ottenere ai suoi assistiti, ha rivoluzionato l’orientamento giurisprudenziale anche in materia di rideterminazione triennale delle borse di studio per chi si è specializzato tra il 1993 e il 2006; il tutto, attraverso un susseguirsi di sentenze vincenti, come già accaduto
per gli specialisti ’78-91.

«Ancora una volta – spiegano i legali Consulcesi – i tribunali accolgono le nostre istanze sulla vertenza degli ex specializzandi. Ma questo è solo l’inizio: dopo il riconoscimento del diritto all’aumento triennale per le borse di studio, previsto ma mai corrisposto agli specialisti ’93-2006, è fondamentale portare avanti le azioni legali, o intraprenderne di nuove, in modo da ottenere anche il risarcimento per le disparità retributive, quintuplicando così i rimborsi da parte dello Stato. Consulcesi è a disposizione di tutti i medici interessati attraverso mille consulenti che rispondono al numero verde 800.122.777 e direttamente sul sito internet www.consulcesi.it».

Gruppo Consulcesi e Massimo Tortorella per i diritti

Gruppo Consulcesi e Massimo Tortorella per i diritti

Una dura battaglia legale per i diritti dei camici bianchi che ha visto in prima linea l’imprenditore Massimo Tortorella e la sua Consulcesi. Si tratta di una delle azioni legali collettive di maggior successo nel nostro Paese, tanto che Consulcesi è diventata in breve un solido punto di riferimento in fatto di servizi per i medici e il personale sanitario in generale. Consulcesi, guidata dall’imprenditore Tortorella, non solo è riuscita a far ottenere oltre 500 milioni di euro in rimborsi – attraverso una memorabile azione legale collettiva – ma da allora non ha mai smesso di occuparsi di diritti per i camici bianchi e di offrire servizi a 360 gradi al mondo sanitario, attraverso innovative piattaforme che mettono in diretto contatto medici, pazienti e non solo. I sopracitati rimborsi spettavano di diritto ai “medici che si sono specializzati prima del 1991 senza ricevere alcun compenso e quelli che lo hanno fatto tra il 1993 e il 2006, anno in cui l’Italia si è allineata al resto dell’Ue dopo i due decreti attuativi (il Dlgs 257 del 1991 e il Dlsg 368 del 1999)”. E dopo questa memorabile azione legale collettiva, l’imprenditore Tortorella, attraverso la sua Consulcesi, continua ad offrire ai medici sostegno in fatto di diritti e servizi utilissimi (se non addirittura necessari), come ad esempio la Formazione a Distanza (FAD). Ma l’imprenditore Massimo Tortorella non si ferma mai e, forte della immensa rete di professionisti che convoglia su Consulcesi (tra medici, personale sanitario e addetti ai lavori), continua a voler migliorare il servizio offerto, così come si può evincere da una sua dichiarazione: “Un ringraziamento speciale perché solo grazie a voi e alla vostra fiducia, siamo riusciti ad ottenere così tanti successi per l’intera Classe Medica. Non da ultima la soluzione definitiva al problema dell’Assicurazione Professionale Obbligatoria per tutte le specializzazioni con risparmi fino al 70% rispetto alle condizioni di mercato. Abbiamo però ancora bisogno di voi, dei vostri consigli e suggerimenti per continuare a migliorare sempre”.

Imprenditore Massimo Tortorella, una voce che conta

L’imprenditore Massimo Tortorella, fondatore e CEO di Consulcesi (realtà che offre servizi a 360 gradi rivolti al mondo della sanità e consulenza e sostegno legale al personale medico), è un’autorevole voce sempre più ascoltata nel mondo della sanità. Tanto da venire invitato a presiedere a conferenze, tavole rotonde e a partecipare a dibattiti televisivi sulle principali emittenti, dalla Rai a SkyTg24, da Mediaset a La7. Grazie alla sua caparbietà e all’ardente spirito imprenditoriale, l’imprenditore Tortorella ha fatto crescere Consulcesi, che ad oggi vanta sedi in Italia, Usa, Uk, Svizzera, Albania (con oltre 1000 tra dipendenti e collaboratori), ampliando notevolmente il suo raggio d’azione e affermandosi come imprescindibile punto di riferimento nel mondo dei camici bianchi, diventando un Gruppo. Il Gruppo Consulcesi consta di numerose aziende che focalizzano la propria attività a favore del personale sanitario. Sono innumerevoli, infatti, i servizi offerti a sostegno del personale medico, non per ultimo un costante aggiornamento professionale attraverso un rivoluzionario progetto: Film Formazione, volto a coniugare l’aggiornamento professionale al cinema delle grandi star di Hollywood. Un esempio mirabile di Film Formazione, è “E-Bola” che, realizzato con attori di grande rango, racconta in maniera eccelsa tutte le fasi di una terribile malattia e le più attuali scoperte medico-scientifiche a riguardo. Un prodotto, quindi, che non solo offre alta formazione a medici e personale sanitario, ma lo fa in maniera inedita e godibile, con una maniera di comunicare e informare sicuramente innovativa e fuori dagli schemi. Per offrire la massima professionalità a questo progetto, l’imprenditore Massimo Tortorella fonda anche una casa di produzione internazionale, la Falcon Industrial Services Limited, che assicura standard qualitativi eccellenti nella produzione di film e materiale audiovisivo formativo.